I consumatori vedono un mondo di contraddizioni nelle tecnologie emergenti

Uno studio di Intel analizza i prossimi 50 anni di tecnologia

NEWS HIGHLIGHTS

  • I consumatori vedono tecnologie già oggi familiari quando guardano al futuro. Oltre l’80% dichiara di ritenere che smartphone e PC continueranno a essere importanti tra 50 anni.
  • I consumatori sono divisi sulla questione se la tecnologia li avvicinerà o allontanerà da amici e familiari.
  • I consumatori hanno opinioni contrastanti sull’intelligenza artificiale del futuro e oltre un terzo non crede di stare già utilizzando l’intelligenza artificiale.

 

SANTA CLARA, Calif., 22 agosto 2018 – Negli Stati Uniti, le persone sono entusiaste del potenziale futuro della tecnologia, ma il 40% ritiene che nei prossimi 50 anni le tecnologie emergenti porteranno tante nuove soluzioni quanti nuovi problemi. Questi risultati derivano dallo studio di Intel intitolato “Next 50” , condotto dalla società di ricerca PSB su mille consumatori  per determinare le percezioni prevalenti riguardo al futuro della tecnologia.

“Le tecnologie emergenti hanno il potenziale per trasformare molti aspetti della nostra vita quotidiana”, ha dichiarato Genevieve Bell, Direttore del 3A Institute, Florence Violet McKenzie Chair, Distinguished Professor presso l’Australian National University e Vice President e Senior Fellow di Intel. “Studi come questo ci ricordano la diversità dell’esperienza umana. Quando parliamo del futuro dell’innovazione, stiamo parlando di una serie di idee, tecnologie e atteggiamenti che avranno un impatto sulle nostre vite in modi rilevanti”.

Le tecnologie più entusiasmanti del futuro

Anche se i consumatori si aspettano nuove tecnologie, restano perlopiù entusiasti per quelle che già sono maggiormente familiari. Il sondaggio ha rivelato che i consumatori prevedono di utilizzare soprattutto smartphone (87%) in futuro, PC (84%) e la tecnologia per la casa intelligente (84%), classificati fra le tecnologie più importanti nei prossimi 50 anni.

“È difficile immaginare un giorno senza usare un computer o uno smartphone, che indubbiamente continueranno entrambi ad evolversi insieme ad altre tecnologie”, ha aggiunto Bell. “Ma le nuove tecnologie emergenti come l’intelligenza artificiale e il 5G sono astratte e più difficili da comprendere, il che probabilmente crea un senso di ansia su ciò a cui possono portare”.

Tra le tecnologie emergenti, i consumatori hanno espresso entusiasmo maggiormente per quelle che hanno il potenziale per migliorare la salute, tra cui la medicina genomica (39%) e i materiali artificiali per trapianti di organi o tessuti (26%), nonché le energie rinnovabili (36%).

Genitori entusiasti in merito all’intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale si è classificata molto in alto soprattutto fra millennial e genitori, felici della possibilità di avere da essa un aiuto nella loro vita quotidiana:

  • Il 51% dei genitori si aspetta che l’intelligenza artificiale migliori la qualità della vita ottimizzando e automatizzando le attività quotidiane, rispetto a solo il 38% degli intervistati senza figli.
  • I genitori sono più entusiasti dei non genitori per quanto riguarda il potenziale dell’intelligenza artificiale di assistere nelle attività umane (il 46% contro il 39% dei non genitori) e di prevedere i loro bisogni (il 42% contro il 30% dei non genitori).

Tuttavia, molti consumatori non si accorgono del ruolo che l’intelligenza artificiale svolge già nelle loro vite. Nonostante la proliferazione di assistenti vocali, algoritmi predittivi e altre applicazioni comuni di intelligenza artificiale, più di un terzo (36%) dei consumatori ritiene di non possedere alcuna tecnologia che impiega intelligenza artificiale.

Ansietà e opportunità in un mondo di connessioni

Sebbene la maggior parte dei consumatori si affida notevolmente alla tecnologia per rimanere in contatto con amici e familiari (53%), molti intervistati hanno riferito che temono che le persone svilupperanno un’eccessiva dipendenza dalla tecnologia e passeranno meno tempo a interagire fra di loro (56%).

Inoltre, il 37% dei consumatori e il 38% delle élite tecnologiche sono preoccupati che le persone possano isolarsi quando utilizzano la tecnologia.

Nonostante queste preoccupazioni, i consumatori sono comunque entusiasti delle tecnologie emergenti che potrebbero aiutare a riunire le persone e creare più tempo per i contatti, come le reti 5G e la tecnologia per la casa intelligente:

  • Un significativo 61% dei consumatori è abbastanza o molto entusiasta del potenziale delle veloci comunicazioni 5G. I millennial in particolare sono più ottimisti riguardo al futuro del 5G, con il 45% che afferma che avvicinerà le persone aiutandole a rimanere sempre connesse, rispetto al 35% per coloro che hanno 35 anni o più.
  • Oggi solo il 18% dei consumatori utilizza pesantemente la tecnologia per gestire le proprie abitazioni, ma il 69% prevede di farlo entro 50 anni.

“Le possibilità della tecnologia sono illimitate, ma si registra anche un’evidente responsabilità per chi crea e sviluppa tali innovazioni”, continua Bell. “In Intel siamo impegnati pienamente ad offrire tecnologia responsabile per i prossimi 50 anni e oltre, in grado di cambiare la vita delle persone di tutto il mondo”.

Lo studio “Next 50” è stato sponsorizzato da Intel e sviluppato da PSB. Qui il report completo.

 

Clicca qui per leggere l’infografica

 

Metodologia dello studio

PSB ha condotto una ricerca per conto di Intel per esplorare gli atteggiamenti e le percezioni relativi alla tecnologia oggi e tra 50 anni. Per raggiungere questi obiettivi, PSB ha condotto uno studio quantitativo online dal 9 al 20 maggio 2018 tra il pubblico generale statunitense (n = 1000) e le élite tecnologiche statunitensi (n = 102). Il pubblico generale degli Stati Uniti è stato interrogato in base ai dati del censimento nazionale per garantire un campione rappresentativo del Paese. Tutti i membri delle élite tecnologiche hanno almeno 25 anni di età con un’istruzione universitaria o superiore, un reddito familiare di almeno 100.000 dollari e seguono attentamente le notizie sulla tecnologia. Il margine di errore per il campione totale del pubblico generale è di +/- 2,53% e maggiore per i sottogruppi. Il margine di errore per il campione totale delle élite tecnologiche è di +/- 8,12% e maggiore per i sottogruppi. PSB, membro di Young & Rubicam Group e WPP Group, è una società di consulenza globale basata sulla ricerca specializzata in strategia di messaggi e comunicazioni per clienti aziendali blue-chip, di organizzazioni politiche e del settore dell’intrattenimento. Per ulteriori informazioni consultare il sito www.psbresearch.com.

 

Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC) espande i confini della tecnologia per rendere possibili esperienze straordinarie. Informazioni su Intel sono disponibili agli indirizzi newsroom.intel.it e intel.it.

Intel e il logo Intel sono marchi di Intel Corporation negli Stati Uniti e in altri Paesi.

*Altri marchi e altre denominazioni potrebbero essere rivendicati

Informazioni su Intel:

Intel (NASDAQ: INTC), un leader nel settore dei semiconduttori, dà forma al futuro basato sull’utilizzo dei dati attraverso la tecnologia di computing e comunicazione, che costituisce le fondamenta delle innovazioni in tutto il mondo. L’esperienza ingegneristica dell’azienda sta aiutando ad affrontare le più importanti sfide globali e contribuendo a potenziare, connettere e rendere sicuri i miliardi di dispositivi e l’infrastruttura del mondo intelligente e connesso: dal cloud alla rete, fino ai dispositivi connessi e tutto ciò che c’è intorno. Maggiori informazioni su Intel sono disponibili su newsroom.intel.it and intel.it.

Intel e il logo Intel sono marchi registrati di Intel Corporation negli Stati Uniti e in altri Paesi.

*Altri nomi e brand potrebbero essere rivendicati come proprietà di terzi.