Un ingegnere teenager inventa un sistema per migliorare la qualità dell’aria negli aerei

Raymond Wang dal Canada vince il primo premio di 75.000 dollari all’Intel International Science and Engineering Fair

Tra i vincitori con un secondo premio di categoria anche due giovani piemontesi di Casale Monferrato (AL) con un progetto nel campo della scienza dei materiali

PUNTI PRINCIPALI

  • Il più importante concorso scientifico del mondo per studenti delle scuole superiori, l’Intel International Science and Engineering Fair, un programma della Society for Science & the Public, ha annunciato i vincitori a Pittsburgh.
  • Raymond Wang dal Canada ha ricevuto il Gordon E. Moore Award, un premio di 75.000 dollari istituito in onore del co fondatore Intel nonché scienziato.
  • I due vincitori dei premi Intel Foundation Young Scientist Awards – Nicole Ticea dal Canada e Karan Jerath di Friendswood, Texas – hanno ricevuto premi di 50.000 dollari dalla Society for Science & the Public
  • Filippo Cotta Ramusino e Chiara Figazzolo dell’Istituto Superiore “Ascanio Sobrero” di Casale Monferrato (AL) hanno vinto il secondo premio nella categoria Scienza dei Materiali con un progetto su Luminol e nanoparticelle di argento.
  • Tre in totale in progetti italiani in gara, con anche i team di Chiara Leali, Elia Frignani e Nicola Barbieri dell’Istituto Superiore “E. Fermi” di Mantova, e di Luca Molteni e Luigi Uggè del Liceo Scientifico “Gandini” di Lodi.

PITTSBURGH, 15 maggio 2015 – Raymond Wang, 17 anni, del Canada, si è aggiudicato il primo posto per avere progettato un nuovo sistema di aspirazione dell’aria per le cabine degli aerei al fine di migliorare la qualità dell’aria e contrastare la trasmissione di malattie in occasione dell’edizione di quest’anno dell’Intel International Science and Engineering Fair, un programma della Society for Science & the Public.
Il sistema di Wang migliora di oltre il 190% la disponibilità di aria fresca in cabina, riducendo fino a 55 volte le concentrazioni di inalazioni patogene rispetto ai sistemi convenzionali e può essere installato facilmente ed economicamente negli aerei esistenti. Wang ha ricevuto il Gordon E. Moore Award, un premio da 75.000 dollari istituito in onore del co-fondatore Intel nonché scienziato.

Nicole Ticea, 16 anni, del Canada, ha ricevuto uno dei due Intel Foundation Young Scientist Awards del valore di 50.000 dollari per lo sviluppo di un dispositivo di test economico e facile da usare per combattere l’alto tasso di infezioni HIV non diagnosticate nelle comunità a basso reddito. Il dispositivo da lei ideato, monouso e funzionante senza elettricità, fornisce risultati in un’ora, e la sua produzione dovrebbe costare meno di 5 dollari. Ticea ha già fondato la sua società, che recentemente ha ricevuto una sovvenzione di 100.000 dollari per continuare a sviluppare la sua tecnologia.

Karan Jerath, 18 anni, di Friendswood in Texas, ha ricevuto l’altro Intel Foundation Young Scientist Award in palio del valore di 50.000 dollari per aver messo a punto e testato un nuovo dispositivo che dovrebbe consentire a un pozzo di petrolio sottomarino di ripristinarsi rapidamente e in modo sicuro in seguito a una fuoriuscita. Jerath ha sviluppato un migliore sistema contenimento che separa il gas naturale, il petrolio e l’acqua dell’oceano, si adatta a diverse profondità marine, dimensioni di tubi e composizioni di fluidi ed è in grado di prevenire la formazione di potenziali intasamenti di idrato di metano.

In Pennsylvania quest’anno, per il quarto ISEF consecutivo, a “brillare” è stata anche l’Italia, con il progetto innovativo su luminol e nanoparticelle di argento di Filippo Cotta Ramusino e Chiara Figazzolo dell’Istituto Superiore “Ascanio Sobrero” di Casale Monferrato (AL), che ha conquistato il secondo posto di categoria nell’ambito delle Scienze dei Materiali, con un premio di 1.000 dollari messo a disposizione dalla Spectroscopy Society di Pittsburgh. I due ragazzi hanno studiato in particolare l’effetto di nanoparticelle da loro sintetizzate sulla reazione chemiluminescente del luminol arrivando a proporre un meccanismo capace di spiegare l’aumento dell’intensità di emissione del luminol in presenza di nanosilver.
In totale erano tre i progetti italiani in gara, con anche i team di Chiara Leali, Elia Frignani e Nicola Barbieri dell’Istituto Superiore “E. Fermi” di Mantova, su di un possibile combustibile derivato da microalghe, e di Luca Molteni e Luigi Uggè del Liceo Scientifico “Gandini” di Lodi per uno speciale kit di riabilitazione per specifiche patologie come l’atassia e la dismetria.

“Intel ritiene che i giovani siano la chiave dell’innovazione futura e che, per confrontarci con le sfide globali che ci attendono, abbiamo bisogno che studenti provenienti da ogni tipo di background si interessino e si occupino di scienza, tecnologia, ingegneria e matematica”, ha dichiarato Wendy Hawkins, Executive Director della Intel Foundation. “Ci auguriamo che questi vincitori ispirino altri giovani a perseguire il loro interesse in questi campi e ad applicare la loro curiosità, creatività e ingegno al bene comune.”

L’edizione di quest’anno dell’Intel International Science and Engineering Fair ha visto la partecipazione di circa 1.700 giovani scienziati selezionati nell’ambito di 422 manifestazioni affiliate in più di 75 Paesi, aree geografiche e territori. Oltre a questi tre vincitori, circa 600 finalisti hanno ricevuto premi e riconoscimenti per la loro ricerca innovativa, tra cui 20 vincitori “Best of Category”, ognuno dei quali ha ottenuto un premio di 5.000 dollari. La Intel Foundation ha inoltre elargito un finanziamento di 1.000 dollari alla scuola di ciascun vincitore e alla manifestazione affiliata che rappresentava.

Nell’elenco seguente sono riportati i 20 vincitori Best of Category, da cui sono stati scelti i primi tre:

Cattura.JPG

La Society for Science & the Public, un’organizzazione non profit dedicata all’impegno pubblico nelle scienze e nell’istruzione scientifica, organizza e gestisce il concorso fin dalla sua istituzione nel 1950 con la denominazione National Science Fair.

“Congratulazioni a Raymond, Nicole e Karan! Il fatto che siano stati scelti come primi tre vincitori dimostra realmente il lavoro straordinario che sono stati in grado di realizzare in giovane età in diverse aree”, ha commentato Maya Ajmera, Presidente e CEO della Society for Science & the Public. “Non vediamo l’ora di poter seguire non solo loro, ma anche gli altri finalisti dell’Intel International Science and Engineering Fair nei loro ulteriori progressi e nel perseguimento dei loro interessi in ambito STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica). Questi giovani studenti di talento sono i problem solver e gli innovatori della loro generazione.”

L’Intel International Science and Engineering Fair premia il lavoro dei più promettenti studenti scienziati, inventori e progettisti. I finalisti vengono selezionati ogni anno da centinaia di manifestazioni affiliate. I loro progetti vengono quindi valutati in loco da circa 1.000 giudici specializzati in quasi tutte le discipline scientifiche, ognuno con un Dottorato o con l’equivalente di sei anni di esperienza professionale in una delle discipline scientifiche.

L’elenco completo dei finalisti è disponibile nel programma dell’evento. Il concorso Intel International Science and Engineering Fair 2015 è finanziato congiuntamente da Intel e Intel Foundation con premi aggiuntivi e il supporto di decine di altre organizzazioni aziendali, accademiche, governative e scientifiche. Quest’anno, sono stati assegnati circa di 4 milioni di dollari.

Per ulteriori informazioni sulla Society for Science & the Public, visitate il sito Web www.societyforscience.org e seguite l’organizzazione su Facebook e Twitter.

Per le ultime notizie di Intel nel settore dell’istruzione, visitate il sito Web all’indirizzo www.intel.com/newsroom/education e partecipate alla conversazione su Facebook e Twitter.

Consultate la cartella stampa multimediale
(include un reportage completo con foto ad alta risoluzione, video, citazioni, fogli informativi e altro)

Informazioni su Intel:

Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC) è leader nel settore dei semiconduttori. Attraverso tecnologie di computing e di comunicazione, che costituiscono le fondamenta delle innovazioni in tutto il mondo, dà forma al futuro data-centrico, basato sulla valorizzazione e l’utilizzo dei dati. L’esperienza ingegneristica dell’azienda sta aiutando ad affrontare le più importanti sfide globali e sta contribuendo a potenziare, connettere e rendere sicuro il mondo intelligente e connesso, con i suoi miliardi di dispositivi e la sua infrastruttura: dal cloud alla rete, fino all’edge e tutto ciò che c’è intorno. Maggiori informazioni su Intel sono disponibili su newsroom.intel.it and intel.it.

Intel e il logo Intel sono marchi registrati di Intel Corporation negli Stati Uniti e in altri Paesi.

*Altri nomi e brand potrebbero essere rivendicati come proprietà di terzi.