Intel’s news source for media, analysts and everyone curious about the company.

Intel porta avanti la propria visione di XPU con oneAPI e la GPU Intel Server

La notizia: Intel annuncia oggi importanti traguardi nella sua roadmap pluriennale volta a fornire un mix di architetture con un software unificato. L’azienda ha annunciato la gold release dei Toolkit Intel® oneAPI in arrivo il prossimo dicembre, oltre a nuove funzionalità nel software stack come parte dell’approccio di Intel che vede una progettazione combinata di hardware e software. Intel ha inoltre lanciato Intel® Server GPU, la sua prima unità di elaborazione grafica (GPU) per data center basata sulla microarchitettura Xe-LP e progettata specificamente per il cloud gaming e il media streaming ad alta densità e bassa latenza in ambiente Android.

“Oggi siamo a un punto importante del nostro ambizioso viaggio verso oneAPI e XPU. Con la gold release dei nostri Toolkit oneAPI abbiamo aggiunto all’esperienza degli sviluppatori con familiari tool e librerie di programmazione per le CPU, le nostre architetture vettoriali-matriciali-spaziali. Stiamo inoltre lanciando la nostra prima GPU per datacenter basata su microarchitettura Xe-LP pensata per i segmenti in rapida crescita del cloud gaming e media streaming”.
— Raja Koduri, Intel senior vice president, chief architect e general manager, Architecture, Graphics and Software

Perché è importante: Dal momento che il mondo va verso un’era di miliardi di dispositivi intelligenti e dati in crescita esponenziale, è necessario spostare l’attenzione dalle sole CPU a un mix di architetture che includa CPU, GPU, FPGA e altri acceleratori. Intel descrive collettivamente questo passaggio come la sua visione “XPU”. Il lancio della GPU Intel Server è un altro passo per estendere l’offerta di Intel nell’era XPU.

Questa era dell’informatica richiede anche uno stack software completo. Gli sviluppatori saranno in grado di accedere a un modello di programmazione comune, aperto e basato su standard per tutte le XPU Intel grazie ai kit di strumenti Intel oneAPI. Questi toolkit mettono in pratica il potenziale prestazionale dell’hardware e riducono i costi di sviluppo e manutenzione del software, riducendo al contempo i rischi associati all’implementazione dell’elaborazione accelerata rispetto a soluzioni proprietarie e specifiche del fornitore.

Gold release dei toolkit Intel oneAPI: Annunciata per la prima volta al SuperComputing 2019, questa iniziativa per il settore oneAPI è una visione avanzata di modello di programmazione unificato e semplificato impiegabile per diverse architetture che offre prestazioni senza compromessi e vincoli proprietari, consentendo al contempo l’integrazione del codice precedente. Con oneAPI, gli sviluppatori possono scegliere la migliore architettura per lo specifico problema che stanno cercando di risolvere senza dover riscrivere il software per l’architettura e la piattaforma successive.

The Intel oneAPI IoT Toolkit is tailored for developers who are bringing the power of big data technology to global innovations — healthcare, smart homes, aerospace, security and others. Intel introduced a series of oneAPI toolkits in November 2020. (Credit: Intel Corporation)

I toolkit Intel oneAPI si avvantaggiano appieno di funzionalità hardware all’avanguardia e di istruzioni come Intel® AVX-512 e Intel® DL Boost sulle CPU, insieme alle funzionalità esclusive delle XPU. Basati su collaudati tool Intel per sviluppatori, i toolkit Intel oneAPI offrono linguaggi e standard familiari, fornendo allo stesso tempo piena continuità con il codice esistente.

 

Oggi l’azienda ha annunciato che la gold release dei toolkit Intel oneAPI sarà disponibile il prossimo dicembre, gratuitamente, in locale e nella Intel® DevCloud, insieme alle versioni commerciali che includono il supporto a livello globale dei consulenti tecnici Intel. L’azienda trasferirà immediatamente le suite di strumenti Intel® Parallel Studio XE e Intel® System Studio ai suoi prodotti oneAPI.

Inoltre, Intel® DevCloud, in cui gli sviluppatori possono testare codice e carichi di lavoro su diverse architetture Intel, si sta espandendo per includere il nuovo hardware grafico Intel® Iris® Xe MAX. La grafica Intel Iris Xe MAX è ora disponibile per l’accesso pubblico; e Intel Xe-HP è disponibile per sviluppatori selezionati.

oneAPI ha ottenuto il sostegno del settore IT, compresi recenti riconoscimenti da parte di Microsoft Azure e TensorFlow; anche organizzazioni di ricerca, aziende e università di primaria importanza sostengono oneAPI.

Inoltre, il Beckman Institute for Advanced Science and Technology dell’Università dell’Illinois ha annunciato oggi l’istituzione di un nuovo centro di eccellenza (CoE) oneAPI. Il centro utilizza il modello di programmazione oneAPI per estendere l’applicazione NAMD per le scienze naturali ad altri ambienti informatici. NAMD, che simula grandi sistemi biomolecolari, sta aiutando ad affrontare sfide del mondo reale quali la lotta al COVID 19. Questo centro di eccellenza si unisce ad altri dell’Università di Stoccolma (SeRC), interessati al GROMACS, e all’Università di Heidelberg (URZ), che lavora al supporto oneAPI per le GPU di altri fornitori.

A proposito della nuova GPU Intel per server: Con la sua prima GPU discreta per i data center, Intel sta ampliando ulteriormente la sua ricca suite di innovazioni di piattaforma per migliorare il cloud gaming e le esperienze multimediali. La combinazione di processori Intel® Xeon® Scalable, di componenti software open source e concessi in licenza e della nuova GPU Intel Server offre una soluzione ad alta densità e bassa latenza con costi di possesso (TCO) inferiori per il cloud gaming Android, e una transcodifica e codifica ad alta densità dei contenuti multimediali per lo streaming video in tempo reale.[1]

 

La GPU Intel Server si basa sulla microarchitettura Xe-LP, l’architettura grafica di Intel con la migliore efficienza energetica, per un design system-on-chip a basso consumo, con pipeline a 128-bit e 8GB di memoria onboard DDR4 dedicata a basso consuno.

 

Utilizzando le GPU Intel Server insieme ai processori Intel Xeon Scalable, i service provider possono aumentare la capacità grafica separatamente dal numero di server, supportando un numero maggiore di stream e abbonati per sistema, pur ottenendo un costo di possesso (TCO) basso. Il pacchetto di quattro GPU Intel Server nella scheda aggiuntiva PCIe Gen 3.0 x16 x16 a tutta altezza da tre quarti di lunghezza può supportare più di 100 utenti simultanei di giochi cloud Android in un tipico sistema a due schede e fino a 160 utenti simultanei, a seconda il titolo del gioco specifico e la configurazione del server[2]. Gli sviluppatori possono sfruttare l’API comune nell’odierno Media SDK, che sarà incorporato nella libreria di elaborazione video oneAPI il prossimo anno. Intel sta lavorando con vari partner di software e servizi, tra cui Gamestream, Tencent Games e Ubitus, per portare la GPU Intel Server sul mercato.

“Intel è un importante collaboratore per la nostra soluzione Android Cloud Gaming. I processori Intel Xeon Scalable e le GPU Intel Server offrono una soluzione ad alta densità, bassa latenza, bassa potenza e basso TCO. Siamo in grado di generare oltre 100 istanze di gioco per ciascun server a due schede per i nostri giochi più popolari, King of Glory e Arena of Valor”, ha affermato Allen Fang, vice general manager di Tencent XianYou Cloud Gaming Platform.

La GPU Intel Server basata su Xe-LP è subito disponibile. Assieme alla grafica Intel Iris® Xe MAX recentemente presentata, GPU migliorerà l’esperienza visive degli utenti di tutto il mondo al crescere delle iniziative Intel di prodotto e software di Intel basate sull’architettura Xe.

 

Le novità di Intel Graphics Software: Una delle strategie primarie di Intel per avere successo nel rendere scalabili le GPU, dalle grafiche entry-level fino al calcolo ad alte prestazioni (HPC), è l’implementazione di una singola base di codice. Solidalmente a questa visione, lo stack software di Intel oggi supporta più generazioni di grafica, inclusi i processori Intel® Core™ di undicesima generazione con grafica Intel Iris Xe integrata e la grafica Intel Iris Xe MAX. Un importante passo successivo per l’architettura Xe scalable sarà l’espansione della base di codice per supportare i prodotti per data center che vedono una prevalenza di Linux. Intel ha ottimizzato il driver Linux per concentrarsi sul riutilizzo del codice tra i sistemi operativi, ha aumentato l’attenzione sulle prestazioni 3D di Linux e ora fornisce tre stack pronti per la distribuzione completamente certificati e integrati.

 

Sempre oggi, Intel ha annunciato Project Flipfast per migliorare l’esperienza di gioco su Linux. Lo stack Flipfast consente agli utenti finali di eseguire applicazioni grafiche su macchine virtuali (VM) mantenendo le prestazioni della GPU nativa e l’integrazione completa dell’host con condivisione zero-copy tra la VM e l’host. Lo stack Flipfast aumenta le prestazioni di gioco e la tecnologia si applica direttamente alle applicazioni di streaming di giochi del data center.

 

Intel ha annunciato oggi che Intel® Implicit SPMD Program Compiler (ISPC) verrà eseguito su un livello API zero, che fornisce interfacce direct-to-metal di basso livello su misura per i dispositivi nella piattaforma oneAPI ed è il livello di astrazione hardware globale. ISPC, alimentato da oneAPI, è una variante del linguaggio di programmazione C, che consente la programmazione di un singolo programma, più dati e viene utilizzato per accelerare il motore di ray tracing Intel® OSPRay sulle CPU Intel. Intel aggiunge il supporto Xe a ISPC per accelerare senza problemi i componenti Intel oneAPI Rendering Toolkit come OSPRay.

 

Prossimi sviluppi: In occasione del virtual oneAPI Developer Summit che si terrà i prossimi 12 e 13 novembre, innovatori, ricercatori e sviluppatori presenteranno 40 collaborazioni e progetti che utilizzano oneAPI. Gli argomenti spaziano dai test computazionali per nuovi usi di farmaci per il COVID-19 alla previsione dei raccolti. Al SuperComputing 2020 che inizia questa settimana, Intel, insieme ai leader del settore e alle organizzazioni di ricerca, stanno mettendo in evidenza l’utilizzo di oneAPI e degli strumenti Intel oneAPI attraverso un keynote, sessioni tecniche, conversazioni, demo e altre attività. Informazioni complete sulla presenza di Intel al SuperComputing 2020 sono disponibili su Intel.com.

 

Intel oneAPI e gli aggiornamenti dello stack di software grafico, e il lancio della GPU Intel Server segnano importanti passi nella roadmap di Intel verso le architetture XPU. Questi sviluppi hanno gettato le basi per offrire esperienze più significative attraverso i sei pilastri di innovazione tecnologica e le architetture eterogenee di Intel che saranno abilitate attraverso un livello di astrazione software scalabile unificato basato su standard aperti in oneAPI.


[1] L’analisi del TCO si basa sulla ricerca interna di Intel. Prezzi al 10/01/2020. L’analisi presuppone il prezzo del server standard, il prezzo di listino della GPU e il prezzo del software in base ai costi stimati della licenza del software Nvidia di $ 1 all’anno per 5 anni.

[2] Le prestazioni possono variare in base al titolo del gioco specifico e alla configurazione del server. Per fare riferimento all’elenco completo delle misurazioni della piattaforma GPU Intel Server, fare riferimento a questo link su Intel.com

Note

Le prestazioni variano a seconda dell’uso, della configurazione e di altri fattori. Ulteriori informazioni su www.Intel.com/PerformanceIndex.

Tutti i piani di prodotto e le roadmap sono soggetti a modifiche senza preavviso.

Le tecnologie Intel possono richiedere hardware, software o attivazione del servizio abilitati.

Nessun prodotto o componente può essere assolutamente sicuro.

I tuoi costi e risultati possono variare.

Intel non controlla né verifica i dati di terze parti. Dovresti consultare altre fonti per valutare l’accuratezza.

Tutti i piani di prodotto e le roadmap sono soggetti a modifiche senza preavviso.

Le dichiarazioni contenute in questa presentazione che fanno riferimento a prospettive aziendali, piani futuri e aspettative sono dichiarazioni previsionali che implicano una serie di rischi e incertezze. Parole come “anticipa”, “si aspetta”, “intende”, “obiettivi”, “pianifica”, “crede”, “cerca”, “stima”, “continua,” può “,” sarà “,” vorrebbe, “” Dovrebbe “,” potrebbe “e le variazioni di tali parole ed espressioni simili hanno lo scopo di identificare tali dichiarazioni previsionali. Dichiarazioni che fanno riferimento o si basano su proiezioni, eventi incerti o ipotesi, comprese dichiarazioni relative a prodotti e tecnologie futuri e la disponibilità e i vantaggi attesi di tali prodotti e tecnologie, identificano anche dichiarazioni previsionali. Tali dichiarazioni sono basate sulle attuali aspettative della direzione, a meno che non sia indicata una data precedente, e comportano molti rischi e incertezze che potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente da quelli espressi o impliciti in queste dichiarazioni previsionali. Fattori importanti che potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente dalle aspettative dell’azienda sono indicati nel comunicato sugli utili di Intel datato 22 ottobre 2020, che è incluso come bit al Form 8-K di Intel fornito alla SEC in tale data e ai documenti SEC di Intel, inclusi i rapporti più recenti dell’azienda sui Form 10-K e 10-Q. È possibile ottenere copie dei rapporti Intel Form 10-K, 10-Q e 8-K visitando il nostro sito Web per le relazioni con gli investitori all’indirizzo www.intc.com o il sito Web della SEC all’indirizzo www.sec.gov.

Tutte le informazioni presentate durante questo evento riflettono le opinioni della direzione alla data di questa presentazione, a meno che non sia indicata una data precedente. Intel non si impegna e declina espressamente qualsiasi obbligo di aggiornare alcuna dichiarazione fatta in questa presentazione, sia come risultato di nuove informazioni, nuovi sviluppi o altro, salvo nella misura in cui la divulgazione possa essere richiesta dalla legge.

 

Informazioni su Intel

Intel (Nasdaq: INTC) è un’azienda leader di settore che crea tecnologia in grado di cambiare il mondo, rendendo possibile il progresso globale e arricchendo la vita delle persone. Lavora costantemente, ispirata dalla Legge di Moore, per portare avanzamenti nella progettazione e nella produzione di semiconduttori che aiutano i clienti ad affrontare le loro più grandi sfide. Intel sprigiona la potenza dei dati per trasformare in meglio le imprese e la società, integrando intelligenza nel cloud, nella rete, nell’edge e in ogni tipologia di dispositivo informatico. Per sapere di più sulle innovazioni di Intel, è possibile visitare i siti web newsroom.intel.it e intel.it.

© Intel Corporation. Intel, il logo di Intel e altri marchi di Intel sono trademark di Intel Corporation o sue sussidiarie. Altri nomi e marchi possono essere rivendicati come proprietà di terzi.